Uno dei più famosi bassisti del metal, Cliff Burton ha segnato in pochissimi anni la storia di questo strumento. Nel breve spazio di tempo in cui ha suonato con i Metallica, prima di morire tragicamente in un incidente nel tour bus, ha registrato alcuni brani famosissimi e fondamentali della band thrash metal per eccellenza. Chi suona il basso e suona metal non può non aver sognato almeno una volta di aver scritto il mitico intro con wah distorto di For Whom The Bell Tolls, o lo strumentale Anesthesia (Pulling Teeth), o ancora la sognante Orion… Ma come riusciva Cliff a ottenere quel suono? Scopriamolo insieme!

Nota: le informazioni e immagini contenute in questa pagina sono tratte da vari siti internet (indicati nella bibliografia in calce). Le informazioni non sono da accettarsi come ufficiali, ma come risultato di ricerche di appassionati e/o giornalisti.


1983 – Kill ‘Em All

  • Bassi:

Rickenbacker 4001

Nota di Cliff dell’estate 1983

  • Rickenbacker 4001 (Burgundy Glo, il suo basso principale quando nel 1982 entrò nei Metallica. Usato per registrare tutto l’album. Nell’estate 1983 in una nota per il fan club dei Metallica, Cliff scrive che i pickup originali sono stati sostituiti con un Gibson EB al manico e un Seymour Duncan Stacked Jazz al manico. Inoltre ha aggiunto un terzo pickup al ponte, un Seymour Duncan Stacked Strat attivabile con uno switch – ad esempio in Anesthesia. Entrambi i pickup Seymour Duncan sono humbuckers così da ridurre il rumore)
  • Amplificatori:

Peavey Mark IV Series 400 e pedali

  • Peavey Mark IV Series 400 con cabinet Peavey

Sunn Beta

  • Testata per basso Sunn Beta Bass (penso all’epoca Trauma)
  • Testata Randall 300W con cabinet Randall 1×18 e cabinet Road 2×18 (nell’estate 1983)
  • Effetti:
  • Boss CS-1 Compressor (nell’estate 1983 usava il MXR Limiter)
  • Morley Power Fuzz Wah
  • Electro-Harmonix Bass Balls (c’è chi dice che lo abbia preso nei primi anni con i Trauma, ma poi ha smesso di usarlo perchè non abbastanza distorto. In seguito prese il Big Muff)
  • Electro-Harmonix Big Muff PI (usato per un po’ con i Trauma prima di avere gli amplificatori Mesa/Boogie, quando poi cominciò a usare il Morley Power Wah come distorsore, e un po’ di TS808. Lo eliminò dal suo setup durante il periodo di Master Of Puppets)

1984 – Ride The Lightning

  • Bassi:
  • Rickenbacker 4001 (usato in studio per alcune parti, vedi sezione 1983 per maggio informazioni)

Alembic Spoiler Bass

  • Alembic Spoiler II Bass dei primi anni ‘80, nero (preso nel periodo tra Kill ‘Em All e Ride The Lightning. Aveva due pickup AXY4. Sembra sia stato rubato nel 1985)

Aria Pro II SB-1000

  • Aria Pro II SB-1000 (usato nel 1985, prima di passare al Black ‘N Gold)

Aria SB-Black ‘N Gold I

  • Aria SB-Black ‘N Gold I del 1978 (avuto poco dopo il SB-1000 dalla Aria. Diventò subito il suo basso preferito e lo usò moltissimo live e in studio nel periodo 1985-1986. Questo è il basso su cui la Aria ha basato il suo Cliff Burton Signature Model nel 2013)
  • Amplificatori:

Amplificatori dal vivo

  • 2x testate Mesa/Boogie D-180 da 200W (una per il suono pulito, una per i suoi effetti)
  • Cabinet Mesa/Boogie 4×12
  • Cabinet Mesa/Boogie 1×15 Custom
  • Cabinet Ampeg SVT-1540HE Classic Series Enclosure (?)
  • Effetti:
  • Boss CS-1 Compressor
  • Morley Power Fuzz Wah
  • Ibanez TS808 Tube Screamer
  • Electro-Harmonix Big Muff PI (vedi sezione 1983 per maggiori informazioni)
  • Morley A/B/Y Switch (per gestire il suo segnale)

1986 – Master Of Puppets

  • Bassi:
  • Aria SB-Black ‘N Gold I del 1978 (vedi sezione 1984 per maggiori informazioni)
  • Aria Pro II SB-1000 (usato raramente – vedi sezione 1984 per maggiori informazioni)
  • Amplificatori:

Setup amplificatori dal vivo (1985/1986 circa)

  • 2x testate Mesa/Boogie D-180 da 200W (una per il suono pulito, una per i suoi effetti)
  • Cabinet Mesa/Boogie 4×12
  • Cabinet Mesa/Boogie 1×15 Custom
  • Effetti:

Pedaliera (periodo Master Of Puppets)

  • Boss CS-1 Compressor
  • Morley Power Fuzz Wah
  • Ibanez TS808 Tube Screamer
  • Ibanez HD1500 Harmonics/Delay Rackmount (si vede nel suo rack nella foto sopra. In altre foto si vede anche il suo footswitch)
  • Morley A/B/Y Switch (per gestire il suo segnale)

Bibliografia:

 

Fabrizio Burriello

Fabrizio Burriello

Fabrizio "A2aThoT" Burriello, classe 1982, nasce musicalmente con il rock da bambino, per iniziare poi a suonare la chitarra a 15 anni, e passare al basso dopo qualche anno. Appassionato di rock, metal, elettronica, progressive, e alla continua ricerca della sperimentazione, si concentra sull'effettistica e sullo studio delle strumentazioni usate dagli altri musicisti, creando e collaborando con vari siti web musicali. Dopo varie esperienze con gruppi del napoletano, tra cui i Moodhula e gli Idromele, inizia un progetto da one man band come A2aThoT, autoproducendo tre album di metal sperimentale tra il 2013 e il 2015. Nel 2017 entra come bassista negli Shades Of Hate, band darkwave di Napoli.

More Posts