Rig: Graham Coxon - Blur / Solo - ItalianGuitarTube

Uno dei chitarristi più sottovalutati degli anni ‘90, Graham Coxon è entrato nella storia con i Blur, ma anche da solista ha scritto pagine di ottima musica. Nel periodo del brit-pop è stato protagonista di alcuni dei momenti più importanti della musica inglese degli ultimi 20 anni, con un suono particolare, e scelte tecniche non comuni. Non a caso, molti chitarristi sono stati influenzati da lui, anche se non è certamente uno dei primi nomi che vengono a mente quando si parla di sei corde.

Un grande fan delle Telecaster, ha avuto delle costanti nel suo rig fin dal primo album con i Blur, come i Marshall SLP, i ProCo Rat e i vari pedali Boss, utilizzando sempre il suo setup in maniera personale, con grande musicalità e senza manie di protagonismo.

Nota: le informazioni e immagini contenute in questa pagina sono tratte da vari siti internet (indicati nella bibliografia in calce). Le informazioni non sono da accettarsi come ufficiali, ma come risultato di ricerche di appassionati e/o giornalisti.


Blur

1991 – Leisure

  • Chitarre

Gibson Les Paul Custom

  • Gibson Les Paul Custom Reissue, nera (con meccaniche dorate, usata per registrare il primo album, e da allora anche dal vivo. Si tratta di una delle prime Les Paul che ha mai comprato)

Fender Telecaster ‘52 Reissue

  • Fender Telecaster ‘52 Reissue (crema, con manico in acero e due single coil. Nel tempo ha avuto vari adesivi sul corpo)

Fender Telecaster Custom del 1968

  • Fender Telecaster Custom del 1968 (crema, con humbucker Gibson PAF al manico e tastiera in palissandro. Diventerà poi la base per il suo modello signature)

Gibson Les Paul Custom, sunburst

  • Gibson Les Paul Custom, sunburst (con battipenna nero; al Reading 1991 l’ha usata per l’intero set, vista anche alla loro prima esibizione in TV, all’Eggs And Baker)

Fender Jaguar

  • Fender Jaguar del 1967 (vista nel video di Bang)
  • Gibson ES-335 Standard, Cherry Sunburst (per No Distance Left To Run e This Is A Low)
  • Fender Coronado 12-string (usata nel video di She’s So High)
  • Amplificatori
  • 2x testate Marshall 1959SLP Super Lead da 100W con cabinet Marshall 1968 4×12
  • 2x Marshall PB100 Power Brake Attenuators
  • Effetti
  • 2x ProCo Rat 2
  • Boss TN-2 Tremolo/Pan
  • Boss BF-2 Flanger
  • Boss VB-2 Vibrato
  • Boss DD-3 Digital Delay

1993 – Modern Life Is Rubbish

Setup del 1993

  • Chitarre
  • Fender Telecaster ‘52 Reissue (vedi sezione 1991 per maggiori informazioni)
  • Gibson Les Paul Custom Reissue (vedi sezione 1991 per maggiori informazioni)
  • Fender Telecaster Custom del 1968 (vedi sezione 1991 per maggiori informazioni)
  • Amplificatori
  • 2x testate Marshall 1959SLP Super Lead da 100W con cabinet Marshall 1968 4×12
  • 2x Marshall PB100 Power Brake Attenuators
  • Effetti

Vista da dietro della sua pedaliera (anni ‘90)

  • Dal vivo:
    • Boss DD-3 Digital Delay
    • Boss VB-2 Vibrato (ad esempio in Chemical World)
    • 2x ProCo Rat II
    • Boss PN-2 Tremolo/Pan (ad esempio in Oily Water)
    • Boss BF-2 Flanger

1994 – Parklife

  • Chitarre
  • Fender Telecaster ‘52 Reissue (vedi sezione 1991 per maggiori informazioni)
  • Gibson Les Paul Custom Reissue (vedi sezione 1991 per maggiori informazioni)
  • Gibson Les Paul Custom, sunburst (vedi sezione 1991 per maggiori informazioni)
  • Fender Telecaster Custom del 1968 (vedi sezione 1991 per maggiori informazioni)
  • Fender Jaguar del 1967 (vista nel Parklife Tour – vedi sezione 1991 per maggiori informazioni)

Gibson ES-335 Standard

  • Gibson ES-335 Standard, Cherry Sunburst (vista al Mtv Live 1994, per This Is A Low  – vedi sezione 1991 per maggiori informazioni)
  • Gibson J-160E acustica (usata per suonare Parklife e Jubilee a Mtv Most Wanted nel 1994)
  • Amplificatori
  • 2x testate Marshall 1959SLP Super Lead da 100W con cabinet Marshall 1968 4×12
  • 2x Marshall PB100 Power Brake Attenuators
  • Effetti
  • 2x ProCo Rat 2
  • Boss TN-2 Tremolo/Pan
  • Boss BF-2 Flanger
  • Boss VB-2 Vibrato
  • Boss DD-3 Digital Delay

1995 – The Great Escape

  • Chitarre
  • Fender Telecaster ‘52 Reissue (vedi sezione 1991 per maggiori informazioni)
  • Gibson Les Paul Custom Reissue (vedi sezione 1991 per maggiori informazioni)
  • Fender Telecaster Custom del 1968 (vedi sezione 1991 per maggiori informazioni)
  • Fender Jaguar del 1967 (usata ad esempio al Later… per He Thought Of Cars – vedi sezione 1991 per maggiori informazioni)
  • Amplificatori
  • 2x testate Marshall 1959SLP Super Lead da 100W con cabinet Marshall 1968 4×12
  • 2x Marshall PB100 Power Brake Attenuators
  • Effetti
  • 2x ProCo Rat 2
  • Boss TN-2 Tremolo/Pan
  • Boss BF-2 Flanger
  • Boss VB-2 Vibrato
  • Boss DD-3 Digital Delay

1997 – Blur

  • Chitarre
  • Fender Telecaster ‘52 Reissue (vedi sezione 1991 per maggiori informazioni – chitarra principale)

Fender Musicmaster

  • Fender Musicmaster (molto modificata, con humbucker montato dietro al pickup al manico, e selettore a tre posizioni. Si vede nei video di Beetlebum e Coffee & TV)

Hayman 1010, nera

  • Hayman 1010, nera (vista nel video di Song #2)
  • Fender Coronado
  • Fender Jaguar
  • Amplificatori
  • 2x testate Marshall 1959SLP Super Lead da 100W con cabinet Marshall 1968 4×12
  • 2x Marshall PB100 Power Brake Attenuators
  • Effetti

Pedaliera (foto dal booklet)

Uno shot del video di Song #2, in cui si vede il ProCo Rat

  • 2x ProCo Rat 2
  • Boss TN-2 Tremolo/Pan
  • Boss VB-2 Vibrato
  • Boss DD-3 Digital Delay
  • Dod FX76 Punkifier (usato ad esempio in Song #2)
  • Akai E2 Headrush (usato ad esempio in Essex Dogs)

1999 – 13

  • Chitarre
  • Fender Telecaster ‘52 Reissue (vedi sezione 1991 per maggiori informazioni)
  • Gibson Les Paul Custom Reissue (vedi sezione 1991 per maggiori informazioni)
  • Fender Telecaster Custom del 1968 (vedi sezione 1991 per maggiori informazioni)
  • Fender Musicmaster (molto modificata – vedi sezione 1997 per maggiori informazioni)

Harmony Sovereign

  • Harmony Sovereign acustica, degli anni ‘60 (comprata in questo periodo, usata varie volte dal vivo negli anni)
  • Amplificatori
  • 2x testate Marshall 1959SLP Super Lead da 100W con cabinet Marshall 1968 4×12
  • 2x Marshall PB100 Power Brake Attenuators
  • Effetti
  • 2x ProCo Rat 2
  • Boss TN-2 Tremolo/Pan
  • Boss VB-2 Vibrato
  • Boss DD-3 Digital Delay
  • Dod FX76 Punkifier
  • Akai E2 Headrush

2012 – Live At Hyde Park / 2015 – The Magic Whip

  • Chitarre

Rack chitarre dei Blur live in Giappone (2014)

Custom Stratocaster, per Song #2 (2015)

  • Fender Custom Stratocaster, nera (fatta con varie parti di Stratocaster, ispirato dalla Strato nera di David Gilmour – ugualmente, ha pickups e manopole bianche, su battipenna nero. Ha un manico probabilmente appartenuto a Jeff Beck. Usata molto in studio per The Magic Whip, usata a Parigi nel 2015 per Song #2)

Fender Telecaster Deluxe nera

  • Fender Telecaster Deluxe, del 1972 (nera, quasi l’unica chitarra che usa dalla reunion dei Blur nel 2009. Vista dal vivo a Parigi nel 2015 per Bad Head, Trimm Trabb, Tender, Girls And Boys, For Tomorrow)

Fender Telecaster Graham Coxon Signature

  • Fender Telecaster Graham Coxon Signature Model (usata negli ultimi anni, dal vivo. Si basa sulla sua Telecaster del 1968, ma ha battipenna tartarugato e pickups diversi, con un Seymour Duncan SH-1 humbucker al manico e un Vintage-Style Single-Coil Tele pickup al ponte)

Fender Telecaster, sunburst

  • Fender Telecaster, sunburst (con battipenna bianco e binding bianco – usata a Hong Kong nel 2015 per Ghost Ship, e a Parigi sempre nel 2015 per Lonesome Street, Coffee & Tv, Out Of Time, Beetlebum)

Gibson Les Paul Custom, Tobacco Sunburst (live a Parigi 2015)

  • Gibson Les Paul Custom, Tobacco Sunburst (vista dal vivo a Glastonbury nel 2009 e a Parigi nel 2015, sempre per There Is No Other Way, con capo al secondo tasto. Sembra essere una vecchia chitarra già usata con i Blur, ma ora senza più l’originale battipenna nero, e con un adesivo dietro al ponte)

Gibson ES-335 Standard, Cherry Sunburst

  • Gibson ES-335 Standard, Cherry Sunburst (usata a Parigi nel 2015, per The Universal  – vedi sezione 1991 per maggiori informazioni)

Gibson Les Paul Goldtop

  • Gibson Les Paul Goldtop, 1956/1957 Reissue (vista dal vivo a Glastonbury nel 2009 per Jubilee e Sunday, Sunday. Ha due single-coil P-90, battipenna bianco)

Gibson Les Paul SG (live a Parigi, 2015)

  • Gibson Les Paul SG del 1962 (vedi sezione 2004 per maggiori informazioni – nel 2015 a Parigi, usata per Go Out)
  • Fender Roosevelt Resonator CE (usata per un live nel 2015 al Chris Evans Breakfast Show)

Fender Jazzmaster, sunburst

  • Fender Jazzmaster, sunburst (usata per un live a Hong Kong nel 2015, per Pyongyang, e a Parigi sempre nel 2015, per Thought I Was A Spaceman)

Gray Guitars Grayling

  • Gray Guitars Grayling (avuta nel Dicembre 2016, si tratta di una Tele con P90, in pratica)
  • Martin OM28V Standard, acustica (vedi sezione 2006 per maggiori informazioni – usata a Parigi nel 2015 per l’inizio di Trimm Trabb)

Atkin D37 Retro

  • Atkin D37 Retro, acustica (avuta nel 2017)
  • Amplificatori

Amplificatori (2014/2015)

  • 2x testate Marshall 1959SLP Super Lead da 100W con cabinet Marshall 1968 4×12
  • 2x Marshall PB100 Power Brake Attenuators (uno nero, uno bianco)
  • Vox AC-30 (usato in studio a volte, per The Magic Whip)
  • Effetti
  • Line6 DL-4 Delay Modeler (si vede in un’esibizione a Hyde Park del 2009)

In studio (2015)

  • In studio (2015):
    • Boss TU-2 Chromatic Tuner
    • Boss TR-2 Tremolo
    • Boss DD-3 Digital Delay
    • Boss BF-2 Flanger
    • Akai E2 Head Rush Looper (usato per l’echo)
    • Boss RV-5 Reverb (ad esempio in Mirrorball, settato su Plate con i controlli tutti a 12 tranne quello a sinistra, che è a ore 3)
    • T-Rex Mudhoney II Dual Distortion
    • ProCo Turbo Rat (ad esempio per gli accordi pesanti in Go Out, con il Wattson)
    • ProCo Rat (ad esempio per gli accordi pesanti in Go Out, con il Wattson)
    • Boss TR-2 Tremolo
    • Wattson FY-2 Fuzz
    • Boss CS-3 Compressor
    • A/B Switch (?)
    • Line6 FM-4 Filter Modeler (ad esempio nella strofa di Go Out, con distorsione, delay, riverbero)
    • Boss OD-3 Overdrive
    • Boss VB-2 Vibrato
    • Dunlop Crybaby Wah
    • Phaser
  • Dal vivo (2015):

Pedaliera usata a Parigi, 2015

Mike Hill Custom Pedalboard #2 (2015)

  • Mike Hill Custom Pedalboard #2 (vedi sezione solista 2012, per maggiori informazioni)
    • Boss AC-3 Acoustic Simulator
  • Nel 2017/2018:

https://www.youtube.com/watch?v=_ijyk89uOCI

Video sulla sua pedaliera (2018)

Pedaliera TheGigRig (Giugno 2017)

Pedaliera TheGigRig (inizio 2018)

    • Pedaliera TheGigRig:
      • Boss TU-3S Chromatic Tuner
      • Origin Effects Cali76 Compact Deluxe
      • Hudson Electronics Broadcast
      • ThorphyFX Muffroom Cloud Fuzz
      • Boss PH-3 Phase Shifter
      • TC Electronic Alter Ego V2 Vintage Echo
      • Xotic EP Booster
      • “Bank Manager” Switch
      • Suhr Koko Boost
      • BAE Hot Fuzz
      • Strymon Blue Sky Reverberator (nel 2018 è stato sostituito con uno Strymon Flint)
      • Carl Martin Echo Tone
      • Gig Rig G2 Switching System

Pedali Seymour Duncan (avuti nel Dicembre 2017)

    • Seymour Duncan Palladium Gain Stage
    • Seymour Duncan Pickup Booster & Line Driver

Solista

https://www.youtube.com/watch?v=7KSPlB5MmKk

Video sulle sue chitarre (2008 circa)

  • Chitarre
  • Harmony Sovereign acustica, degli anni ‘60 (vedi sezione 1999 per maggiori informazioni – usata per Song For The Sick al Jools Holland, e al Royal Festival Hall nel 2003)

Fender Telecaster, Relic Blue

  • Fender Telecaster (Relic Blue, usata per Happiness In Magazines, ad esempio)

Fender Telecaster Custom del 1968

  • Fender Telecaster Custom del 1968 (vedi sezione 1991 per maggiori informazioni – usata per Happiness In Magazines, ad esempio)
  • Fender Telecaster ‘52 Reissue (vedi sezione 1991 per maggiori informazioni – chitarra principale dal vivo, nel 2009 circa)
  • Fender Telecaster Deluxe, del 1972 (vedi sezione 2012/2015 per maggiori informazioni – usata per A+E, nel 2012)

Gibson Les Paul SG

  • Gibson Les Paul SG del 1962 (usata solitamente per le sovraincisioni, ha due pickups P-90 e ponte fisso al posto dell’originale Tremolo – si vedono ancora i fori. Usata in Freakin’ Out)
  • Gibson Les Paul SG del 1962 (usata in I Can’t Look At Your Skin, e per A+E, nel 2012- vedi sezione 2004 per maggiori informazioni)
  • Burns London Sonic, blu (vista nel video di You And I – vedi sezione 1997 per maggiori info)

Rickenbacker 330 Jetglo

  • Rickenbacker 330 Jetglo (vista in un’intervista del 2008 circa, non viene molto usata)

Martin OM28

  • Martin OM28V Standard, acustica (comprata nel 2005)
  • Ralph Bown OM, acustica (chitarra fatta per lui, ora è la sua principale acustica – dal 2009 circa, sia in studio che dal vivo. Ha pickup LR Baggs M1 alla buca)

Atkin OM

  • Atkins OM, acustica (con pickup LR Baggs M1 alla buca, usata dal 2009)

Fyldes OM

  • Fyldes OM, acustica (con pickup alla buca LR Baggs M1, usata dal 2009)
  • Corde Ernie Ball Skinny Top/Heavy Bottoms (usate per Happiness In Magazines, ad esempio)
  • Plettri Dunlop .076 (usati per Happiness In Magazines, ad esempio)
  • Bassi
  • Rickenbacker Bass (è il basso che usa in studio)
  • Tele-Style Bass (giapponese, con un solo pickup, usato in studio)
  • Amplificatori
  • 2x testate Marshall 1959SLP Super Lead da 100W con cabinet Marshall 1968 4×12
  • 2x Marshall PB100 Power Brake Attenuators (solitamente)
  • Altre volte (nel 2006 circa):
    • Marshall PB100 Power Brake Attenuator
    • THD Hot Plate Attenuator
  • Altri amplificatori più piccoli (usati per Happiness In Magazines)
  • Ampeg SVT (per registrare i bassi)
  • Effetti
  • Vari rack (in studio)
  • Sanyi Fuzz (giapponese)
  • Dod FX76 Punkifier
  • Electro-Harmonix Holy Grail
  • Nel 2006:

Pedaliera Mike Hill Custom #1

    • Boss TU-2 Chromatic Tuner
    • Mike Hill Custom Pedalboard #1
      • Boss NS-2 Noise Suppressor
      • Dod Punkifier
      • Boss CS-2 Compressor/Sustainer
      • Boss DD-3 Digital Delay
      • Boss DD-2 Digital DElay
      • Boss VB-2 Vibrato
      • Boss PN-2 Tremolo/Pan
      • Boss BF-2 Flanger
      • Shin-Ei Fuzz (giapponese, degli anni ‘60 – per gli assoli lo usa insieme a uno dei due Rat)
      • 2x ProCo Rat II (solitamente usati per il suono ritmico distorto)
    • Boss DM-2 Delay
    • Electro-Harmonix Holy Grail
  • Dal vivo, nel 2009 circa, usava due pedaliere:
    • Per le acustiche:
      • Boss TU-2 Tuner
      • Boss GE-7 Graphic Equalizer
      • Lehle 3 at 1 Switcher
    • Per le elettriche:
      • Boss TU-2 Tuner
      • Boss GE-7 Graphic Equalizer
      • Boss BF-2 Flanger
      • Boss TR-2 Tremolo
      • ProCo Rat
      • Boss DD-3 Digital Delay
      • Fuzz (non ho info)

Pedaliera 2009

  • Pedaliera 2009:
    • Lehle 3 at 1 Switcher
    • Boss TU-2 Chromatic Tuner
    • Splitter
    • LR Baggs Para Acoustic DI
    • ProCo Rat
    • Boss TR-2 Tremolo
    • Boss BF-2 Flanger
    • T-Rex Mudhoney Distortion
    • Boss RV-5 Digital Reverb
    • Akai E2 Headrush

Dal vivo, nel 2012-2013 (Mike Hill Pedalboard #1 e #2, con qualche modifica)

Mike Hill Custom Pedalboard #2

  • Nel 2013 circa:
    • Mike Hill Custom Pedalboard #2 (costruita nel Febbraio 2013), con:
      • Dunlop Crybaby Wah
      • Akai E2 Headrush
      • Electro-Harmonix Hog
      • T-Rex Mudhoney Distortion
      • Line6 FM-4 Filter Modeler
      • Boss TU-2 Chromatic Tuner
      • COMP (Boss CS-3 Compressor)
      • FUZZ 1
      • VIB (Boss VB-2 Vibrato)
      • RAT1 (ProCo Rat #1)
      • OD (Boss OD-3 Overdrive)
      • RAT2 (ProCo Rat #2)
      • TRE (Boss PN-2 Tremolo/Pan)
      • DELAY (Boss DD-3 Digital Delay)
      • FLANG (Boss BF-2 Flanger)
      • REV (Boss RV-5 Digital Reverb)
      • Boss DM-2 Analogue Delay
      • Boss NS-2 Noise Suppressor
      • Dod Punkifier
      • Electro-Harmonix Holy Grail
      • Shin-Ei FY-2 Companion Fuzz

Bibliografia

Fabrizio Burriello

Fabrizio Burriello

Fabrizio "A2aThoT" Burriello, classe 1982, nasce musicalmente con il rock da bambino, per iniziare poi a suonare la chitarra a 15 anni, e passare al basso dopo qualche anno. Appassionato di rock, metal, elettronica, progressive, e alla continua ricerca della sperimentazione, si concentra sull'effettistica e sullo studio delle strumentazioni usate dagli altri musicisti, creando e collaborando con vari siti web musicali. Dopo varie esperienze con gruppi del napoletano, tra cui i Moodhula e gli Idromele, inizia un progetto da one man band come A2aThoT, autoproducendo tre album di metal sperimentale tra il 2013 e il 2015. Nel 2017 entra come bassista negli Shades Of Hate, band darkwave di Napoli.

More Posts