Rig: Jack White - The White Stripes / The Raconteurs / The Dead Weather / solo - ItalianGuitarTube

Uno dei chitarristi più innovativi nel rock degli ultimi vent’anni, appassionato a livelli maniacali di vintage (quasi come uno stile di vita), ma anche un personaggio carismatico pieno di fisse (i colori, il numero 3, ecc), e sicuramente un grandissimo artista. Jack White è stato il chitarrista / cantante e leader dei White Stripes, per poi fondare i Raconteurs, in seguito i Dead Weathers (in cui era più batterista che chitarrista), e infine darsi alla carriera solista. Nel frattempo, ha fondato un’etichetta, ha diffuso la moda degli strumenti vintage scassatissimi, ha riportato in auge il garage rock e scritto l’inno più tamarro del mondo del calcio (“po po po po po…” direbbero in molti, ma noi sappiamo che si tratta di Seven Nation Army).

Con quali strumenti Jack si affaccia al mondo della musica? Pochi, poveri e vecchissimi. Chitarre di 50 anni prima, amplificatori più vecchi di lui, ma anche un po’ di pedali senza limiti d’età (il mitico Digitech Whammy, l’MXR Micro Amp e l’Electro Harmonix Big Muff sono ormai suoi inseparabili compagni). Andiamo quindi a scoprire di cosa sono fatti i suoi vari setup, sempre con un occhio ai colori, mi raccomando…

Nota: le informazioni e immagini contenute in questa pagina sono tratte da vari siti internet (indicati nella bibliografia in calce). Le informazioni non sono da accettarsi come ufficiali, ma come risultato di ricerche di appassionati e/o giornalisti.


The White Stripes

1999 – The White Stripes

  • Chitarre:

Crestwood Astral II

  • Crestwood Astral II, degli anni ‘70 (avuta nel 1997, viene ancora usata per le canzoni più vecchie, tipo Let’s Build A Home, I Fought Piranhas. Viene usata in open-E tuning per lo slide)

Kay Hollowbody

  • Kay K6533 Archtop Hollowbody dei primi anni ‘60, Tobacco Sunburst (in open-A-tuning – EAEAC#E, per lo slide. Ha un solo pickup, al manico, un Kay “Cheese Grater” single-coil. Dal 2001 ha coperto interamente la cassa di carta, che nel tempo ha iniziato a rompersi. Sembra lo faccia per evitare la risonanza nelle buche a F, ma non l’ha mai voluto spiegare)

Airline Res-O-Glass (appoggiata all’ampli)

  • Airline Res-O-Glass del 1963, rossa (sembra sia stata usata prima di avere la JB Huttom, si vede in qualche foto promozionale dei primissimi tempi. In pratica è una versione a scala corta della JB Huttom)

Gibson SG

  • Gibson SG, bianca (con tremolo Bigsby B5, usata nei primi tempi, per breve tempo)
  • Amplificatori:
  • Testata Sears Silvertone 1485 da 100W degli anni ‘60, con cabinet Silvertone 6×10 (prestatogli per registrare l’album, lo comprò dopo aver registrato l’album)
  • Fender Twin Reverb (dal vivo?)
  • Effetti:
  • Pedali (in quest’ordine):
    • DigiTech XP-100 Whammy
    • Arion Stage Tuner

2000 – De Stijl

  • Chitarre:
  • Crestwood Astral II (vedi sezione 1999 per maggiori informazioni)
  • Kay K6533 Archtop Hollowbody (in open-A-tuning, per lo slide – vedi sezione 1999 per maggiori informazioni)

Airline JB Hutto #1

  • Airline JB Hutto, del 1964 rossa con battipenna bianco #1 (con battipenna e meccaniche diverse)
  • Amplificatori:
  • Fender Twin Reverb
  • Testata Sears Silvertone 1485 da 100W degli anni ‘60, con cabinet Silvertone 6×10 (comprato nel 1999, il cabinet ha coni Jensen C10Q)
  • Effetti:
  • Pedali (in quest’ordine):
    • DigiTech XP-100 Whammy
    • Electro-Harmonix NYC Reissue Big Muff PI
    • Arion Stage Tuner

2001 – White Blood Cells

  • Chitarre:
  • Crestwood Astral II (vedi sezione 1999 per maggiori informazioni)
  • Kay Hollowbody (in open-A-tuning, per lo slide – vedi sezione 1999 per maggiori informazioni)
  • Airline JB Hutto, del 1964 rossa con battipenna bianco #1 (vedi sezione 2000 per maggiori informazioni – con battipenna e meccaniche diverse, è stata ritastata nel frattempo)

DiPinto Mach 4

  • DiPinto Mach 4, rossa (avuta in regalo nel 2002 da Chris DiPinto dopo che ne aveva comprata una blu, un anno prima)

Danelectro Doubleneck

  • Danelectro Doubleneck Baritone / Standard (usata dal vivo per Astro / Jack The Ripper nel 2001)

Framus 5/59 Sorella (appoggiata al cabinet)

  • Framus 5/59 Sorella (usata nel video di We’re Going To Be Friends)
  • Amplificatori:

Fender Twin Reverb

  • 2x Fender Twin Reverb
  • Testata Sears Silvertone 1485 da 100W degli anni ‘60, con cabinet Silvertone 6×10
  • Fender Super Reverb (? – probabilmente affittato/prestatogli)
  • Effetti:

Pedali dal vivo (2001)

  • Nel 2001 (in quest’ordine):
    • DigiTech XP-100 Whammy
    • Electro-Harmonix NYC Reissue Big Muff PI
    • Arion Stage Tuner

Pedali dal vivo (2002)

  • Nel 2002 (in quest’ordine):
    • Boss TU-2 Chromatic Tuner
    • DigiTech Whammy IV
    • Electro-Harmonix NYC Reissue Big Muff PI

2003 – Elephant

  • Chitarre:
  • Crestwood Astral II (vedi sezione 1999 per maggiori informazioni)
  • Kay K6533 Archtop Hollowbody (in open-A-tuning, per lo slide – vedi sezione 1999 per maggiori informazioni. Usata ad esempio per Seven Nation Army)
  • Airline JB Hutto, del 1964 rossa con battipenna bianco #1 (vedi sezione 2000 per maggiori informazioni – mancano alcuni pezzi, il pickup al manico e alcune manopole)
  • Burns, acustica (usata in It’s True That We Love One Another)
  • Martin, acustica (usata per registrare le tracce acustiche dell’album)
  • Amplificatori:
  • 3x Fender Twin Reverb
  • Testata Sears Silvertone 1485 da 100W degli anni ‘60, con cabinet Silvertone 6×10
  • Effetti:
  • Nel 2003 (in quest’ordine):
    • Boss TU-2 Chromatic Tuner
    • MXR Micro Amp (?)
    • DigiTech Whammy IV (ad esempio per Seven Nation Army per l’effetto di un’ottava sotto)
    • Electro-Harmonix Big Muff (ad esempio per Seven Nation Army, per l’assolo, con settaggi Volume 6, Tone 7, Sustain 9)

Pedaliera dal vivo (2004)

  • Nel 2004 (in quest’ordine):
    • Pedaliera #1:
      • Boss TU-2 Chromatic Tuner
      • MXR Micro Amp
      • DigiTech Whammy IV
      • Electro-Harmonix Big Muff (vintage degli anni ‘70, con chassis rosso di AnalogMan)
    • Pedaliera #2 (vicino alla batteria):
      • Boss TU-2 Chromatic Tuner
      • MXR Micro Amp
      • Electro-Harmonix Big Muff

2005 – Get Behind Me Satan

  • Chitarre:
  • Crestwood Astral II (vedi sezione 1999 per maggiori informazioni)
  • Kay K6533 Archtop Hollowbody (in open-A-tuning, per lo slide – vedi sezione 1999 per maggiori informazioni)
  • Airline JB Hutto, del 1964 rossa con battipenna bianco #1 (vedi sezione 2000 per maggiori informazioni – mancano alcuni pezzi, ad esempio ha rimosso il pickup al manico e i controlli)

Gibson L-1

  • Gibson L-1 del 1915, acustica
  • Amplificatori:
  • 3x Fender Twin Reverb

Ampli Silvertone

  • 2x testate Sears Silvertone 1485 da 100W degli anni ‘60, ognuno con cabinet Silvertone 6×10 (in tour in Europa non li portò)
  • Fender Bassman AB165 (in un video dal vivo del 2005 sembra venga usato assieme alla coppia di Silvertone)
  • Effetti:

Pedaliera dal vivo (2005)

  • Pedali (in quest’ordine):
    • Pedaliera #1:
      • AnalogMan A/B Box (per l’accordatore)
      • Boss TU-2 Chromatic Tuner
      • MXR Micro Amp
      • DigiTech Whammy IV
      • Electro-Harmonix Big Muff (vintage degli anni ‘70, con chassis rosso di AnalogMan)
      • Electro-Harmonix POG (in studio l’ha usato per la prima volta in Blue Orchid. Dal vivo usava una piastra per bloccare i settaggi in posizione)
      • AnalogMan Mute & A/B Box (per il POG)
    • Pedaliera #2 (vicino alla batteria):
      • Boss TU-2 Chromatic Tuner
      • MXR Micro Amp
      • Electro-Harmonix Big Muff

2007 – Icky Thump

  • Chitarre:
  • Crestwood Astral II (vedi sezione 1999 per maggiori informazioni)
  • Kay K6533 Archtop Hollowbody (in open-A-tuning, per lo slide – vedi sezione 1999 per maggiori informazioni)
  • Airline JB Hutto, del 1964 rossa con battipenna bianco #1 (vedi sezione 2000 per maggiori informazioni – mancano alcuni pezzi)

Airline JB Hutto #2 (con il fan che gliel’ha regalata)

  • Airline JB Hutto, del 1964 rossa con battipenna bianco #2 (regalatagli da un fan nel 2003, dal 2007 non usa più dal vivo la prima)
  • Gretsch G6134 White Penguin del 1957 (trovata nel 2007 mentre era in tour in Texas. Non viene usata dal vivo, si vede nel video di Icky Thump)

Gretsch Rancher Falcon “Rita Hayworth” Custom (e retro)

  • Gretsch Rancher Falcon “Rita Hayworth” Custom G6022CWFF, acustica, bianca (usata per il tour di Icky Thump, dal 2008 circa)
  • Gibson L-1 del 1915, acustica
  • Bassi:
  • Gibson EB-2 Bass (usato dal vivo al Live With Jools Holland nel 2007 per My Doorbell)
  • Amplificatori:
  • 3x Fender Twin Reverb
  • 2x testate Sears Silvertone 1485 da 100W degli anni ‘60, ognuno con cabinet Silvertone 6×10
  • 2x Sonic Machine Factory da 15W (usati per i concerti più piccoli, di solito)
  • Hammond Leslie 3300 Rotary Speaker (ordinato dalla B3 Guys per il tour del 2007)
  • Effetti:

Pedaliera dal vivo (2007 – varie versioni)

  • Pedali (in quest’ordine):
    • Pedaliera #1:
      • AnalogMan A/B Box (per l’accordatore)
      • Boss TU-2 Chromatic Tuner
      • Boss Pedal (CS-3 Compressor? – usato per un breve periodo)
      • MXR Micro Amp
      • DigiTech Whammy IV
      • Electro-Harmonix NYC Reissue Big Muff / Big Muff (vintage degli anni ‘70, con chassis rosso di AnalogMan – a seconda dei casi usava uno dei due)
      • Electro-Harmonix POG
    • Pedaliera #2 (vicino alla batteria):
      • Boss TU-2 Chromatic Tuner
      • MXR Micro Amp
      • Electro-Harmonix Big Muff

The Raconteurs

  • Chitarre:

Randy Parsons Triple Jet Custom

  • Randy Parsons Triple Jet Custom Guitar (con corpo completamente in ottone. Jack la ordinò dopo la Parsons Duo Jet, e usò questa invece. Ha un MXR Micro Amp integrato sul pickup centrale)
  • Randy Parsons Duo Jet Custom Guitar (dipinta in color ottone. Jack la ordinò mentre era in preparazione la band)
  • Gretsch Anniversary Jr (con ponte vibrato Bigsby e tre pickups Filtertron; usata nel primo tour con i Raconteur)

Gretsch “Green Machine”

  • Gretsch Anniversary Jr Custom “Green Machine” (con doppia spalla mancante, sistema Mute attivato con una leva, un MXR Micro Amp integrato sul pickup centrale, ponte Bigsby, un microfono integrato retrattile, un theremin vicino al ponte attivato con la luce. Si vede anche nel film It Might Get Loud)
  • Airline Town & Country (a tre pickups, usata in tour e vista nel video di Steady As She Goes)

Gretsch Rancher Falcon “Claudette Colbert” Custom (e retro)

  • Gretsch Rancher Falcon “Claudette Colbert” Custom, acustica, arancione (usata coi Raconteurs, dal 2008 circa)
  • Amplificatori:
  • Dal vivo:

Amplificatori dal vivo

    • Fender Twin Reverb
    • Silvertone (?)
  • Effetti:

Pedaliera (2008 circa)

  • Pedaliera dal vivo (2008 circa; customizzata da AnalogMan con chassis dipinti in ottone per ogni pedale, o anche con chassis nuovi):
    • Dunlop JD4S Rotovibe (altrove ho letto Dunlop 535Q Wah)
    • DigiTech WH-4 Whammy
    • Electro-Harmonix NYC Big Muff (con chassis nuovo di AnalogMan, si tratta di un V9 moderno)
    • Electro-Harmonix Micro Pog
    • Electro-Harmonix Nano Bass Ball
    • Demeter TRM-1 Tremulator
    • 1x / 2x MXR Micro Amp
    • Boss TU-2 Chromatic Tuner (con chassis nuovo di AnalogMan)
    • Boss CS-3 Compressor/Sustainer
    • Boss NS-2 Noise Suppressor (?)
    • AnalogMan Mute Switch

Pedaliera “mini”

  • Pedaliera dal vivo, versione ridotta (usata solo a volte, sempre customizzata da AnalogMan con chassis dipinti in ottone) – i pedali sono in quest’ordine:
    • Boss TU-2 Chromatic Tuner (con chassis nuovo di AnalogMan)
    • DigiTech WH-4 Whammy
    • Electro-Harmonix NYC Big Muff (con chassis nuovo di AnalogMan)
    • MXR Micro Amp

The Dead Weather

  • Chitarre:

Gretsch Jupiter Thunderbird, bianca (dal vivo, 2009)

  • Gretsch Special Edition “Billy Bo” Billy Gibbons/Bo Diddley Signature Jupiter Thunderbird, bianca (dal vivo, 2009, si vede anche nel video di Another Way To Die)
  • Gretsch Bo Diddley, dipinta in bianco
  • Gretsch G6134 White Penguin del 1957 (vedi sezione 2007)
  • Gretsch G6134 White Penguin, nera (mancina)

Gretsch Rancher Falcon “Veronica Lake” Custom (e retro)

  • Gretsch G6022CWFF Rancher Falcon “Veronica Lake” Custom, acustica, bianca/oro (dal 2010, usata con i Dead Weathers)
  • Daddy Mojo Cigar Box Guitar
  • Plettri neri Heavy (non sa la marca)
  • Amplificatori:
  • Fender Twin Reverb Blackface del 1965 (dice di usare solo questo con i Dead Weather; usato in studio e dal vivo)
  • Fender Twin Reverb Silverface degli anni ‘70 (usato a volte dal vivo assieme al Blackface)
  • Effetti:

Pedaliera dal vivo (circa 2009)

  • Pedaliera dal vivo (circa 2009 – customizzata in colore bianco):
    • Dunlop Rotovibe
    • DigiTech WH-4 Whammy
    • Voodoo Labs Tremolo
    • Electro-Harmonix Nano Bass Balls
    • Electro-Harmonix Big Muff
    • Electro-Harmonix Micro POG
    • Boss TU-2 Chromatic Tuner
    • MXR Micro Amp
    • ZVex Wooly Mammoth Bass Fuzz (non collegato?)
  • Nel 2010:
    • Electro-Harmonix Big Muff
    • DigiTech Whammy
    • Electro-Harmonix POG

Solista

  • Chitarre:

Fender Telecaster

  • Fender Highway One Telecaster, verniciata in azzurro (con ponte Bigsby vibrato; l’ha usata dal 2012 in studio e in tour. La chitarra è stata verniciata in azzurro, e le parti metalliche sono state coperte di bianco. In seguito ha sostituito il pickup al ponte con un TV Jones Filtertron)
  • Gretsch Triple Jet, grigia/azzurra

EVH Wolfgang (modificata)

  • EVH Wolfgang, Stealth (nel 2018, modificata con tre humbuckers e hardware e inlays blu)

EVH Wolfgang (standard)

  • EVH Wolfgang, Stealth (nel 2018, standard)

Ernie Ball Music Man St Vincent Signature

  • Ernie Ball Music Man St Vincent Signature (comprata nel 2018, non si è ancora vista in uso)

Gibson Firebird Skunk Baxter Signature

  • Gibson Firebird Skunk Baxter Signature (vista in alcune foto promozionali del 2017)
  • Gibson Army Navy, acustica (usata solitamente in studio)
  • Gretsch Rancher Falcon “Claudette Colbert” Custom, acustica, arancione (usata solitamente in studio – vedi sezione Raconteurs per maggiori informazioni)
  • Amplificatori:
  • In studio:
    • Fender Vibroverb del 1963/1964 (solitamente usa questo per registrare le elettriche)
    • RCA Clubmaster (? – si vede nel video di Lazaretto)

Amplificatori dal vivo (2012)

  • Dal vivo (2012):
    • 3x RCA Victor (anni ‘50) o Mojotone Silvertone 1484 Style Amps (?)
    • Fender Reverb Unit
  • Fender Vibroverb del 1964 (visto in una foto della pedaliera in tour con Wanda Jackson nel 2011)
  • Effetti:
  • Union Tube & Transistor Black Bumble Buzz (il suo pedale signature, usato in studio per canzoni come Sixteen Saltines e I’m Shakin’)

Pedaliera del 2011, in tour con Wanda Jackson

  • Pedaliera del 2011, in tour con Wanda Jackson:
    • AnalogMan A/B Box (Tuner)
    • Boss TU-2 Chromatic Tuner
    • MXR Micro Amp
    • DigiTech WH-4 Whammy
    • Electro-Harmonix Tone Wicker Big Muff
    • Electro-Harmonix POG

Pedaliera (2012)

  • Pedaliera (2012):
    • Boss TU-2 Chromatic Tuner
    • Digitech WH-4 Whammy
    • Electro-Harmonix Big Muff (con chassis personalizzato, probabilmente è il vintage Big Muff degli anni ‘70 dalla pedaliera del 2004)
    • Electro-Harmonix POG 2
    • Electro-Harmonix Nano Bass Balls (si può sentire bene in Sixteens Saltines)
    • Boss CS-3 Compressor
    • ZVex Woolly Mammoth (si può sentire bene in Take Me With You When You Go)
    • Boss PN-2 Tremolo/Pan (?)
    • AnalogMan A/B Box (Tuner)
    • MXR Micro Amp

Pedaliera dal vivo (2014 circa)

  • Pedaliera dal vivo (2014 circa):
    • DigiTech WH-4 Whammy
    • Demeter Tremulator
    • MXR Micro Amp
    • Electro-Harmonix Nano Bass Balls
    • Electro-Harmonix POG 2
    • Electro-Harmonix Big Muff (con chassis personalizzato)
    • Third Man Records Bumble Buzz – Jack White Signature Model Fuzz
    • Eventide H9
    • Mantic Flex
    • Boss TU-2 Chromatic Tuner
    • Moog Ring Modulator (?)

Bibliografia

Fabrizio Burriello

Fabrizio Burriello

Fabrizio "A2aThoT" Burriello, classe 1982, nasce musicalmente con il rock da bambino, per iniziare poi a suonare la chitarra a 15 anni, e passare al basso dopo qualche anno. Appassionato di rock, metal, elettronica, progressive, e alla continua ricerca della sperimentazione, si concentra sull'effettistica e sullo studio delle strumentazioni usate dagli altri musicisti, creando e collaborando con vari siti web musicali. Dopo varie esperienze con gruppi del napoletano, tra cui i Moodhula e gli Idromele, inizia un progetto da one man band come A2aThoT, autoproducendo tre album di metal sperimentale tra il 2013 e il 2015. Nel 2017 entra come bassista negli Shades Of Hate, band darkwave di Napoli.

More Posts